Midnight in Paris

Come anticipato lunedì scorso (Anno nuovo, nuove proposte) eccomi qui con un nuovo modo di raccontarvi il cinema. Una pellicola alla volta. Senza spolier ovviamente. Mi sono ritrovata a domandarmi se sarebbe stato più carino iniziare con un film già citato in precedenza, con uno uscito da poco al cinema o con un classico. Alla fine ho optato per un misto di queste cose. Oggi vi parlerò di un film che non è appena uscito ma che non appartiene nemmeno al secolo scorso. Per celebrare l’inizio di questo nuovo modo di raccontare il cinema, ho pensato che sarebbe stato carino partire con un film che adoro ma che non ho ancora avuto modo di suggerirvi.

Midnight in Paris è un divertente e intelligente film ideato, scritto e diretto dal genio indiscusso di Woody Allen. Questo regista non ha certo bisogno del mio umile commento per essere riconosciuto come un vero artista capace di raccontare l’animo umano, le sue paure e ansie, attraverso una spiccata vena comica, intelligente e irriverente. Mi perdonerete se mi unisco al coro di coloro che pensano che gli ultimi film di Allen non sempre sono all’altezza del suo nome. Come tutte le persone affronta alti e bassi nella sua carriera ma se parliamo di Midnight in Paris allora commentiamo un punto di massima. Questo è un titolo che consiglio a chiunque, sia a coloro che amano il cinema di Allen che ai neofiti. La regia non è nemmeno da analizzare – impeccabile come sempre, tuttavia si potrebbero spendere fiumi di parole per il soggetto. Unico, geniale, colto e divertente. Gli attori? Quando mai Allen sbaglia la scelta… e nel caso vi servisse ancora un piccolo incentivo: c’è Owen Wilson (nei panni del protagonista) al suo meglio.

Il film che ti sei perso...

Breve riassunto:

Francia, Parigi. Uno sceneggiatore di Hollywood di successo è in vacanza con la sua fidanzata, i genitori di lei e una coppia di amici della famiglia della ragazza, incontrati per caso. Gil, il protagonista, sta cercando di ultimare il suo primo romanzo. Incompreso, sottovalutato, snobbato dalla famiglia della ricca (e tremendamente snob) ragazza, inizia a girovagare per le strade di Parigi di notte. In uno di questi solitari cammini notturni scopre un segreto tanto incredibile quanto magico…

Perché guardarlo:

  • Il soggetto, la regia e la sceneggiatura sono del migliore Woody Allen
  • Gli attori, anche le comparse, sono tutti ineccepibili e perfetti
  • È una pellicola divertente, irriverente ma anche intelligente in quanto tra una risata e l’latra fa riflettere lo spettatore

Perché non guardarlo:

  • Credo sia un film che possa piacere a chiunque per cui non ho un vero elemento di bocciatura da inserire. Lo sconsiglio solamente a chi non apprezza particolarmente il metodo di narrazione di Woody Allen o chi non ama Owen Wilson. Lui è l’indiscusso protagonista per cui, se non apprezzate l’attore americano, lasciate perdere perché Wilson trascina lo spettatore all’interno della storia tanto quanto la macchina da presa

In questo momento puoi trovare questo film su Netflix:

Midnight in Paris

Annunci

La serie TV che ti sei perso…

This Is Us

Eccoci di nuovo qui, pronti per scoprire insieme una nuova “vecchia” serie TV. Inizio il nuovo anno ritagliano questo spazio per parlarvi di una serie drammatica, dolce, sensibile, intelligente e ben interpretata. Con This Is Us le lacrime sono assicurate. Sappiate che non sono lacrime sdolcinate e gratuite. Sono frutto di una regia e di una sceneggiatura particolarmente attenta alla condizione umana. Il soggetto è estremamente semplice e proprio per questo motivo funziona così bene. This Is Us è la dimostrazione che non serve andare tanto lontano per colpire l’animo delle persone, perché attraverso una situazione familiare, attraverso personalità differenti eppure affini, si possono affrontare insieme allo spettatore le paure e le angosce che attanagliano chiunque di noi.

Non è difficile capire perché questa serie sta riscontrando così tanto successo e perché il pubblico si è subito appassionato alla storia e ai personaggi. Vi basterà la prima puntata per rimanere agganciati e per voler scoprire, sempre di più, come la storia si evolve e cosa accade alle persone che colorano e vivono all’interno della magnifica realtà creata in This Is Us.

Il film che ti sei perso...

Breve riassunto:

Passato e presente si incontrano fin dall’inizio di questa serie TV. Il passato mostra una giovane meravigliosa coppia appena sposata, Jack e Rebecca, i quali scoprono che diventeranno genitori di ben… tre gemelli. La data prevista per il parto arriva con un po’ d’anticipo e Rebecca partorisce il giorno del trentaseiesimo compleanno di Jack. Il presente mostra tre personaggi, in apparenza così diversi eppure incredibilmente legati che affrontano il giorno del loro trentaseiesimo compleanno.

Perché guardarla:

  • Perché è una serie dolce, intelligente, sensibile e curata
  • Il cast corale è assolutamente perfetto. Nessuno di loro sfigura ma al contrario, alcune performance si elevano più di altre
  • Con This Is Us è facile identificarsi di volta in volta con i vari personaggi che contraddistinguono e portano avanti la serie

Perché non guardarla:

  • La serie è ancora in produzione. Attualmente sono arrivati alla terza stagione per un totale di 54 episodi

Pagina ufficiale: https://www.nbc.com/this-is-us

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/NBCThisIsUs/

 

Natalie Portman

Il film che ti sei perso...

Parto con una premessa: secondo me Natalie Portman è una di quelle rarissime donne nate con il dono di essere belle di natura, lei meno è truccata e più è bella. Quindi il suo bel viso è già di per sé una calamita per la macchina da presa, che si innamora di lei ogni qualvolta la inquadra e indugia sul suo dolce sorriso.

La bellezza non è nulla se non è supportata da altro ma Natalie Portman è bella e intelligente. Nel corso della sua carriera ha affrontato numerosi ruoli, molto diversi tra di loro e ha recitato in più generi cinematografici. La bellezza sposa il talento nel caso della Portman, che si è fatta conoscere già da bambina quando, nel 1994, ha recitato accanto a Jean Reno e al grandissimo Gary Oldman, diretta dalla sapiente mano registica di Luc Besson.

I ruoli interessanti e le famose pellicole a cui ha preso parte l’attrice naturalizzata statunitense, nata a Gerusalemme, sono tantissimi e non posso certo elencarvi tutti i titoli degni di nota. Però se devo cercare di convincervi ad appassionarvi a quest’artista, dotata di talento, vi posso dire che V for Vendetta, Black Swan, Closer, Where the Heart Is e Cold Mountain sono film in cui, vuoi per la sua dolcezza, per la sua potenza, per la sua capacità di passare da un ruolo a un altro, è impossibile non rimanere ammaliati dal suo talento.

Natalie Portman ha preso parte anche a pellicole e me molto care. È entrata a far parte del cast della meravigliosa saga che è Star Wars e nel 2011, diretta da Kenneth Branagh, è approdata nel mondo dei supereroi interpretando la dolce metà di Thor, nell’omonimo film. Prendendo parte a queste pellicole è ovvio che la Portman sia diventata famosissima e conosciuta da tutti, ciò nonostante non dimentica di ritagliarsi lo spazio per film più impegnati e sottili. Progetti che l’hanno portata nel 2011 a vincere l’ambito premio Oscar come miglior attrice protagonista.

La bellezza è anche e soprattutto intelligenza e sensibilità. Natalie Portman non è solo un’attrice ma anche una donna impegnata nel sociale: porta avanti le sue battaglie difendendo il pianeta terra, combattendo per i diritti degli animali. È una fervida ambientalista e una sostenitrice dei diritti gay – esco per un momento dai binari del mio blog. Ci terrei a precisare che personalmente trovo veramente assurdo che nel 2019 (gente sveglia: siamo nel 2019!!) ci sia ancora bisogno di doversi schierare per dei diritti che secondo me sono inalienabili. Mi deprime vivere in un mondo in cui c’è bisogno di dividere le persone in base alle preferenze sessuali. Sono convinta che uno dei mali peggiori di questo mondo sia l’ignoranza e la cattiveria che da essa ne deriva. Quindi brava Natalie Portman! Perché chi è famoso e ha una cassa di risonanza così importante a livello mondiale, è assolutamente necessario che si faccia sentire e che faccia capire a chi non vuol capire, che gli esseri umani sono tutti uguali, con gli stessi diritti e doveri. Scusate la mia piccola digressione ma ho sentito necessario esprimere le mie idee al riguardo e se qualcuno pensa ancora che ci sia qualcosa di sbagliato nel colore della pelle o che una diversa preferenza sessuale sia una malattia, allora è pregato di andare a leggere un altro blog. Perché qui non si parla di tolleranza ma di civiltà.

Tornando a uno dei miei argomenti preferiti… Natalie Portman è una donna da seguire, che regala sempre emozionanti interpretazioni, che si sa inventare e reinventare. Non è solo un’attrice ma una persona intelligente e sensibile. Un vero esempio da seguire.

Nel caso te lo fossi perso…

  • Léon, Luc Besson, 1994
  • V for Vendetta, James McTeigue, 2005
  • Black Swan, Darren Aronofsky, 2010
  • Lo sapete, sono un appassionata del genere: uno qualunque o, meglio ancora tutti, i film di Star Wars
  • Uno qualunque o, meglio ancora tutti, i film della Marvel Cinematic Universe

In questo momento puoi trovare i seguenti film su…

Sky On Demand:

V for Vendetta

Anno nuovo, nuove proposte

Buongiorno a tutti, buongiorno a chi mi legge settimanalmente, a chi mi segue sporadicamente e a chi mi legge per la prima volta.

Buon anno a tutti voi, spero che abbiate passato delle buone feste, che vi siate divertiti, abbuffati e che siate andati al cinema a godervi qualche bel film. Io il 23 dicembre sono andata a vedere Bohemian Rapsody. Lo so, sono andata tardi, rispetto alla data di uscita ma come si dice “meglio tardi che mai”, no? Ragazzi che film meraviglioso!! Finito di vederlo ho sentito l’esigenza di condividere le mie impressioni sulla pagina Facebook del blog – ho dichiarato al mondo il mio amore per Rami Malek e ho anche affermato di esigere che quel talentuoso ragazzo vinca il Premio Oscar, adesso! Se non mi seguite ancora su FB e Instagram vi consiglio di farlo perché posto e commento con regolare frequenza. A tal proposito, spero che abbiate seguito insieme a me la diretta questa notte dei Golden Globe. Questa notte, o meglio questa mattina, quando il meraviglioso Rami Malek e il film Bohemian Rapsody hanno vinto, ho esultato come una pazza su tutti i social in cui sono presente. Approfitto per ricordarvi che mi trovate anche su Twitter. Vi invito a seguirmi e magari, perché no, ad aiutarmi a far crescere le mie pagine social consigliandole anche a qualche vostra amicizia e conoscenza.

Il film che ti sei perso...

Bene, adesso che abbiamo affrontato il mio piccolo momento di auto promozione vi posso annunciare che ho deciso di modificare leggermente il mio blog. Insomma, è giusto cambiare ed evolversi. Quindi dal momento che piace la mia rubrica del venerdì, dedicata alle serie TV, ho deciso che prenderò lo stesso formato e lo trasferirò anche in quella del lunedì, incentrata sulle pellicole cinematografiche. Visto che questo sarà un esperimento, lo farò a lunedì alterni e dal momento che immagino che siate curiosi di sapere come procederà questo nuovo modo di affrontare il cinema, sappiate che inizierò già il prossimo lunedì. Non vi resta che aspettare una settimana dunque e nell’attesa potrete leggervi i miei prossimi post. Appuntamento come sempre: mercoledì e venerdì.

Vi informo inoltre che anche la mia pagina Instagram subirà alcuni cambiamenti. Per scoprirli vi basterà seguirmi. Concludo questo mio breve comunicato di inizio anno chiedendovi scusa se sono sparita. Nel mio ultimo post di dicembre avevo detto che non vi avrei abbandonato e che di tanto in tanto avrei riproposto gli articoli che ho scritto per Movie Magazine Italia. Non ho potuto farlo perché il sito è momentaneamente bloccato. Mi spiace per il disguido che si è creato. Da questa settimana tornerà tutto come al solito, beh, più o meno. Restate sintonizzati per scoprire le piccole novità che ho in serbo per voi. A presto,

Giorgia – Il film che ti sei perso…