Non solo blog

Lo so, lo so, state pensando (e forse temendo) che adesso vi scriverò ogni giorno e che vi tempesterò di post – cosa che avevo detto all’inizio di quest’avventura che non avrei fatto. Tranquilli, come ho fatto sabato scorso – La mia esperienza al Torino Film Festival, anche oggi vi scrivo per una breve comunicazione. Ho notato con immenso piacere che state seguendo non solo i miei consueti appuntamenti (lunedì film, mercoledì un singolo artista e venerdì una serie TV) ma che state leggendo anche gli articoli che scrivo per Movie Magazine Italia, che da questa settimana ho iniziato a proporvi direttamente sul mio blog e non solo sulla mia pagina Facebook.

Fino a due settimane fa non avevo mai pensato di proporvi anche questi articoli. Poi come ben sapete è arrivata la splendida occasione del TFF e ho quindi deciso di condividere con voi le mie emozioni e le mie recensioni. Ripeto, dal momento che ho notato un vostro interesse anche per questi articoli, decisamente più specifici, inizierò a condividere anche gli articoli passati che ho scritto per questa rivista online. Purtroppo non posso riproporvi quelli più datati perché il sito non mi permette di andare così indietro e ripescare i post più vecchi – ho iniziato la mia collaborazione con Movie Magazine Italia a maggio di quest’anno.

Il film che ti sei perso...

Quindi da domani, sappiate che talvolta, tra un post programmato e l’altro vi riproporrò i miei articoli scritti per Movie Magazine Italia. Di cosa trattano? Principalmente mi occupo di anniversari cinematografici e compleanni, anche se non mancano le recensioni. Quindi si, da domani potrete leggere qualche mio articolo in più. Concludo questo comunicato elencando (vi basterà cliccare l’argomento che vi interessa per andare a leggere l’articolo) qui in basso i post che per motivi di datazione non riesco più a proporvi come invece farò a partire da domani. Perché ve li posto? Perché noto con piacere che mi seguite e lo sapete, la mia filosofa è: nel caso ve lo foste perso… ve lo consiglio!

Articoli passati redatti per Movie Magazine Italia:

 

Giorgia – Il film che ti sei perso…

Annunci

La serie TV che ti sei perso…

Breaking Bad

Altro venerdì, nuovo prodotto seriale di cui parlare. Oggi vi consiglio qualcosa di assolutamente geniale, andato in onda dal 2008 al 2013: Breaking Bad. Questa serie televisiva è incredibile sotto molti punti di vista a partire dalla scelta del cast. Gli attori, uno su tutti l’indiscusso protagonista Walter White, interpretato da Brian Cranston, sono eccezionali. La sceneggiatura è coinvolgente, intelligente autoironica e ben curata. La scelta di far durare questo prodotto cinque stagioni è perfetta – non troppo lunga e nemmeno sbrigativa. Solamente alcune puntate procedono più lentamente di altre ma ciò serve a creare quello stato di incertezza e ansietà che deriva dalla trama. La narrazione avanza sempre senza intoppi e non scade mai nella banalità o nell’ovvietà. Sin dalla prima puntata si capisce di essere finiti in un prodotto televisivo di altissima qualità. Si rimane agganciati subito ed è difficile, se non impossibile staccarsene. I personaggi diventano sempre più curati e approfonditi e il meraviglioso Brian Cranston – il quale è stato candidato e ha vinto numerosissimi premi per questo ruolo, ha donato al suo personaggio una delle più belle evoluzioni e maturazioni (se così si può dire) che la televisione abbia visto. Per quanto la serie sia curata fin nei più piccole dettagli è chiaro che la presenza magnetica e assolutamente calzante dell’attore protagonista dona maggiore validità a questo prodotto unico e, ripeto, geniale.

Il film che ti sei perso

Breve riassunto:

Walter White è un tranquillo (e anche un po’ noioso) professore di chimica. La sua vita procede, o per meglio dire si trascina, tra due lavori, una moglie, un figlio affetto da una paralisi celebrale e una nuova figlia in arrivo. Il cognato che lavora per la DEA, così come tutti gli altri conoscenti, ostenta indifferenza e superiorità nei suoi confronti e non perde occasione per farglielo notare. A Walter, vicino al suo cinquantesimo compleanno, viene diagnosticato un cancro ai polmoni e per far fronte a questo nuovo problema, l’uomo decide di impiegare al meglio le sue conoscenze di chimica, cucinando cristalli di metanfetamina pura al 99,1%. Con l’aiuto di un suo ex alunno, Jesse Pinkman, Walter inizia a vivere una doppia emozionante, drammatica, impensabile e adrenalinica vita.

Perché guardarla:

  • La trama è decisamente diversa dal solito. È intelligente, ben curata ed evolve continuamente
  • Gli attori sono perfetti ma una nota di merito va allo splendido Brian Cranston
  • Sebbene siano 5 stagioni le puntate non sono molte – 62 in totale
  • Alla fine della visione non potrete fare a meno di sentire la mancanza degli splendidi personaggi che colorano e danno vita alla serie

Perché non guardarla:

  • Se amate le serie televisive che si possono seguire saltando qualche puntata, quelle che si possono guardare con un occhio solo, mentre state facendo altro allora Breaking Bad non fa per voi
  • Se volete qualcosa di leggero che non pretende troppo e che in cambio trasmette puro intrattenimento allora dovete scegliere un altro prodotto
  • È previsto un film (non si sa ancora se per il grande schermo o per la TV) in cui saranno presenti gli stessi personaggi. Per adesso ci sono molti dubbi e poche certezze al riguardo

Pagina ufficiale: https://www.sonypictures.com/tv/breakingbad/

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/BreakingBad/

In questo momento puoi trovare questa serie su Netflix:

https://www.netflixlovers.it/catalogo-netflix-italia/70143836/breaking-bad