Altri cambiamenti in arrivo

Buongiorno a tutti, buongiorno a chi mi legge settimanalmente, a chi mi segue sporadicamente e a chi mi legge per la prima volta.

Sono passate solo due settimane da quando Il film che ti sei perso… ha annunciato un piccolo grande cambiamento, ovvero il nuovo look del sito (Nuovo vestito, stessa sostanza). Quest’oggi mi ritrovo nuovamente a stravolgere le piccole semplici regole del mio blog per un altro annuncio. Quelli tra di voi che mi seguono dall’inizio sanno benissimo che l’appuntamento inizialmente era singolo. Ho poi deciso di dedicare una seconda rubrica al mondo infinito, geniale e, oserei dire, che crea dipendenza, delle serie televisive (Cambiamenti in arrivo) e quindi di scrivere anche il venerdì… Esatto, sto per comunicarvi quello che state pensando: vi stresserò una volta in più! Contenti? Tranquilli…  Fingente entusiasmo e saremo tutti felici – sto scherzando chiaramente. La verità è che ho deciso di implementare ancora il mio impegno verso questo blog e verso di voi, perché riscontro interesse e questo mi fa un immenso piacere. Di cosa parlerò, vi starete chiedendo. Dopo averci pensato, ho realizzato che la miglior cosa è sempre la stessa che mi ha spinta a creare questo blog: la passione. Come ben sapete sono onnivora, nel senso che mastico quasi tutti i generi e abbraccio con entusiasmo sia i film che le serie televisive ma nel magico mondo dell’intrattenimento, ho una vera  e propria venerazione per una figura all’interno di questa meravigliosa macchina che è l’audiovisivo: gli attori e la recitazione. Ho anche dedicato uno dei miei primissimi post (L’arte di saper emozionare) all’analisi del metodo più famoso di recitazione, il Metodo Stanislavskij. Ammiro gli attori e l’arte della recitazione perché permette alle persone che nascono con un dono e con l’incredibile capacità di sapersi mettere in gioco, sempre e comunque, di guardare dentro se stessi e di esplorare quell’infinita gamma di emozioni che l’essere umano è in grado di provare. Mi affascina pensare che dietro ogni personaggio ben riuscito si celi una parte della persona che lo sta impersonando. Essere attori significa non aver paura delle proprie emozioni, non temere di rischiare e di guardarsi allo specchio. Questa ammirazione, ammetto, la rivolgo soprattutto verso gli attori anglofoni perché trovo che arrivino da una scuola incredibilmente moderna e all’avanguardia, tuttavia non dimentico i grandi nomi italiani e internazionali che hanno reso e rendono tutt’ora grande quest’arte.

Non sono un’attrice e non mi permetto di pensare di saperne più di chi ha studiato, non mi stancherò mai di ripetere che osservo sempre con gli occhi di un’ammiratrice appassionata. Ecco perché nella mia nuova, terza rubrica, seguirò di nuovo il cuore senza avere la presunzione di scendere nel tecnico (rischiando di annoiarvi). Affronterò, o meglio lo farò insieme a chi mi vorrà leggere, un’artista alla volta, analizzando la sua carriera attraverso film e performance che ha eseguito e, come sempre, ricordando quelle che hanno catturato la mia attenzione, consigliandovi così un paio di titoli. Spero che questa nuova rubrica vi possa entusiasmare e piacere tanto quanto le altre due. Concludo questo annuncio avvisandovi che gli appuntamenti si sposteranno in questo modo:

_ Lunedì ci sarà il consueto appuntamento dedicato ai film

_ Mercoledì sarà dedicato alla nuova rubrica

_ Venerdì rimarrà il giorno delle serie televisive

Questo nuovo ordine, insieme alla nuova rubrica, inizieranno dalla prossima settimana. Mentre venerdì ci sarà il consueto appuntamento dedicato all’analisi di una serie televisiva. A presto,

Giorgia – Il film che ti sei perso…

Annunci