Judi Dench

Il film che ti sei perso...

Donna di classe, bella, elegante, stilosa, impeccabile, quasi fredda ma sempre composta, perfetta nel ruolo della regina e impossibile non rispettarla nel ruolo di M., il personaggio all’interno della saga cinematografica e letteraria di James Bond. Judi Dench è una donna che non si può non ammirare. Quest’attrice ha una carriera così brillante e lunga che certo mi è impossibile oggi ricordare ogni ruolo che ha interpretato che valga la pena di essere menzionato. Mi ci vorrebbero più giorni o quantomeno un post troppo lungo. Quindi anche quest’oggi mi ripeterò ancora una volta e vi dirò che questo breve commento non può certo omaggiare nel migliore dei modi una donna così importante all’interno della storia della cinematografia.

Dunque… quali ruoli e quanti film mi sento di consigliarvi oggi affinché vi possiate avvicinare, nel caso ancora non l’aveste fatto, all’indiscutibile talento di questa donna? Sarò banale ma incomincerò con i ruoli che l’hanno vista impersonare una regina. Quando Judi Dench interpreta l’austera regina – Mrs. Brown, Shakespeare in Love, Victoria and Abdul, qualunque essa sia, riesca al contempo a trasmettere un senso di reverenza, timore e stima assoluta. La sua compostezza è impeccabile e sebbene con gli occhi e con lo sguardo riesca a trasmettere tutta la dolcezza e la compassione del mondo i suoi gesti non tradiscono mai l’etichetta. Sembra che il ruolo della monarca sia cucito addosso a lei. Perfetta! Come vi dicevo prima anche la figura dell’impassibile ma altrettanto amabile M. della saga dell’agente segreto più famoso del mondo, James Bond, sembra essere scritto per lei. Ancora una volta, all’interno di questi film – GoldenEye, The World Is Not Enough, Die Another Day, Casino Royale, Quantum of Solace e Skyfall, sono i suoi occhi a parlare più di quanto non facciano le parole.

Austerità a parte Judi Dench sa anche rappresentare la fragilità e la paura di una donna comune. Una donna spezzata e piegata ma mai devastata, sempre in grado di rialzarsi. Non solo, sa anche mostrare il volto di una persona in grado di fingere di essere ciò che in realtà non è. In questo vastissimo mondo che tocca le fragilità dell’animo umano vi voglio menzionare alcuni titoli che, sia per via della bravura della Dench che dell’interessane svolgimento della trama, credo che valgano la pena di essere visti: Chocolat, Mrs Henderson Presents, Notes on a Scandal, The Best Exotic Marigold Hotel e Philomena.

Lo so, anche oggi vi ho suggerito numerosi titoli, pensate che mi sono voluta astenere dalle sue interpretazioni di personaggi nati grazie al genio di William Shakespeare e a quello di un altro grandioso artista, nato qualche secolo dopo, Oscar Wilde! Credo che questi titoli che vi ho elencato possano comunque in qualche modo non solo attraversare la lunga a brillante carriera di Judi Dench ma anche comprendere l’ampia gamma di ruoli e di emozioni che l’attrice ha saputo portare in scena con talento e maestria. Mi pace ribadire sempre che i premi non sono tutto nella vita e che l’arte delle recitazione nasce con lo scopo di creare arte appunto (scusate la ripetizione) ma tuttavia perché non nominare e menzionare almeno una parte dei premi a cui è stata candidata e ha vinto Judi Dench? In fondo è bello riconoscere il talento e scoprire che viene premiato. Così oggi vi saluto, concludendo questo articolo menzionandovi alcuni dei più prestigiosi premi che illuminano ancora di più la lunga e brillante carriera di questa attrice britannica che è anche un membro della Royal Society of Arts. 11 Premi BAFTA, 8 Olivier Awards, 2 Screen Actors Guild Awards, 2 Golden Globe e un Tony Award.

Nel caso te lo fossi perso…

  • Shakespeare in Love, John Madden, 1998
  • Mrs Henderson Presents, Stephen Frears, 2005
  • Notes on a Scandal, Richard Eyre, 2006
  • The Best Exotic Marigold Hotel, John Madden, 2012
  • Uno qualunque o, meglio ancora tutti, i film della saga di James Bond

 

Annunci

Quando i cartoni insegnano

Come potete intuire dal titolo oggi vi vorrei parlare di un argomento che adoro – i cartoni animati. Come ben sapete amo i film d’animazione, ho dedicato a questo argomento già due articoli (L’evoluzione delle Principesse Disney e Per sempre felici e contenti… forse) e un paio di video su YouTube. Vi ricordo, per chi ancora non lo sapesse, che in occasione del mio centesimo post ho aperto un canale YouTube e l’appuntamento ha cadenza settimanale, se siete interessati a scoprire qualcosa in più, mi trovate cliccando QUI.

Torniamo a noi e al magico, meraviglioso, infinito e colorato mondo dell’animazione. Dicevo che adoro i cartoni e amo la Disney, soprattutto la Disney classica. Bisogna però ricordare che non esiste solo questo universo dell’animazione. Anzi, al fianco dell’edulcorata Disney ci sono prodotti di altissima qualità e a volte questa stessa casa di produzione si impegna a produrre film di una caratura maggiore. Il mio intendo di oggi è quello di farvi notare che l’animazione può intrattenere ma allo stesso tempo insegnare e passare messaggi molto importanti. Oggi ho quindi deciso di proporvi due soli titoli. Il primo ricade all’interno dell’universo Disney: A Christmas Carol. Dubito che questo film ve lo siate perso, per questo motivo non mi dilungherò nel raccontarvi la bellezza della trama, nata grazie all’incredibile racconto di Charles Dickens ma spendo due parole per farvi ricordare, o notare nel caso ve lo foste perso…, la bellezza dell’animazione in sé. Robert Zemeckis nel 2009 ha creato un vero e proprio capolavoro. L’animazione è talmente bella e perfetta da far dimenticare la trama e al contempo la storia è così unica e perfettamente riconoscibile da fare scordare la bellezza della qualità dell’animazione. Insomma, l’uno supporta al meglio l’altro e il risultato è un film imperdibile, per tutti gli amanti dell’animazione, dalla magia che solo un grande della letteratura come Dickens può trasmettere, degli effetti speciali e della bravura di Robert Zemeckis che non manca mai di incantare il suo pubblico in un modo unico e speciale.

L’altro titolo che vi voglio suggerire è tutta un’altra storia. L’animazione racconta una storia drammatica e struggente. Tuttavia la narrazione è talmente coinvolgente che è difficile che possiate decidere di staccarvi dal prodotto in questione. Il film si intitola The Breadwinner, mentre nella versione italiana è Sotto il burqua. Secondo me questo film merita di essere visto, sia per la sua bellezza che per la storia che racconta. Confesso che se l’avessi trovato per caso all’interno della programmazione di una piattaforma digitale non mi sarei avvicinata a questo prodotto ma ho avuto modo di vederlo alla Festa del Cinema di Roma del 2017, alla quale ho partecipato come volontaria. È stato quasi per caso che ho visto questo film e devo ammettere che la sorpresa è stata grande. Non mi aspettavo un film così potente, bello e intenso. Ho pianto. E mi sono portata dietro quel senso di malinconia che solo i grandi titoli sanno lasciare. Credo inoltre che se la storia fosse stata racconta attraverso attori in carne e ossa sarebbe risultata eccessivamente drammatica e difficilmente sostenibile. L’idea di narrare una vicenda così reale e contemporanea con un animazione colorata ha permesso di creare un film meraviglioso. Vi consiglio di cercarlo e di vederlo, per poter godere di una bellissima animazione che, per una volta, non racconta solamente una bellissima favola ma anche una realtà a noi così vicina e drammatica, che troppo spesso facciamo finta di dimenticare.

 

Nel caso te lo fossi perso…

  • A Christmas Carol, Robert Zemeckis, 2009
  • The Breadwinner, Nora Twomey, 2017

Viola Davis

Il film che ti sei perso...

Ritengo che Viola Davis sia una straordinaria attrice, una donna magnetica e carismatica. La sua carriera è costellata di premi e candidature e oggi ho deciso di raccontarvi questa straordinaria artista attraverso questi. La prima interpretazione per la quale viene candidata all’ambita statuetta degli Oscar (e non solo) è quella di Mrs. Miller nel film Doubt, intitolato in italiano Il dubbio. Questa pellicola, diretta da John Patrick Shanley, la vede accanto ad attori straordinari, quali Meryl Streep, Amy Adams e il compianto Philip Seymour Hoffman. Il film affronta un tema delicato e difficile ma questo permette agli interpreti di donare alcune delle loro migliori performance. Tra i numerosi premi a cui viene candidato (5 Oscar e 5 Golden Globe, solo per citarne alcuni) c’è anche la magnifica e potente interpretazione di Viola Davis nella categoria miglior attrice non protagonista.

Passano solo tre anni e Viola Davis viene nuovamente candidata a numerosissimi premi, tra i quali  l’Oscar, il BAFTA e il Golden Globe per la sua interpretazione, sempre come attrice non protagonista, nella squisita e memorabile pellicola, tratta dall’omonimo libro di Kathryn Stockett, The Help. Film dalle mille sfaccettature: toccante, intelligente, drammatico ma anche divertente, esattamente come il personaggio di Aibileen Clark, portata in vita sullo schermo da Viola Davis. L’ambito premio viene vinto dalla collega Octavia Spencer ma è comunque una vittoria per il film The Help che, a livello mondiale, non solo viene candidato e vince numerosi premi ma riesce a riscuotere un notevole successo sia di critica che di incassi.

Nel 2014, ovvero due anni dopo la sua seconda interpretazione candidata a premi di tutto il mondo, Viola Davis diventa Annalise Keating, nella serie di successo, alla quale dedicherò uno spazio nel mio appuntamento del venerdì, arrivata ormai alla sua quarta stagione, How To Get Away With Murder. Questo prodotto televisivo, ideato da Peter Nowalk, ruota, vive, conosce la sua vera forza grazie al personaggio unico e magnetico che è l’avvocato Annalise Keating. Viola è Annalise e Annalise è Viola. La forza carismatica, tipica delle interpretazioni dell’attrice in questo personaggio prendono vita e attraverso il corso delle puntate e delle stagioni, il ritratto di una donna forte, decisa, caparbia, ferita più volte dalla vita ma sempre in grado di rialzarsi, è reso indimenticabile da Viola Davis. Non è un caso quindi che questa incredibile attrice venga ripetutamente premiata e candidata per il contributo unico che dona al personaggio di Annalise Keating.

I premi, si sa, non sono tutto nella vita e Viola Davis non sarebbe meno brava o meno carismatica se non avesse mai vinto un solo premio, eppure nel mondo così difficile ed esclusivo che è Hollywood il miraggio del premio Oscar è sempre in agguato. Questo premio non solo sembra coronare un’intera vita dedicata alla propria passione e arte ma conferisce a chi lo riceve una sorta di aura mitica. Che gli Oscar non siano sempre stati vinti da persone meritevoli è più che certo, così com’è ovvio che nella storia di questa premiazione ci siano state tante sconfitte immeritate. Appurato questo, certo è che nel 2017 Viola Davis si porta a casa la vittoria e conquista l’Oscar, più che meritatamente, come miglior attrice non protagonista nel film Fences, diretto e interpretato da Denzel Washington. Oggi ho voluto dedicare questo spazio a una donna unica, forte, capace di donare ogni volta qualcosa di unico e personale alle sue interpretazioni, in grado di emozionare ed emozionarsi.

 

Nel caso te lo fossi perso…

  • Doubt, John Patrick Shanley, 2008
  • The Help, Tate Taylor, 2011
  • Fences, Denzel Washington, 2016
  • How To Get Away With Murder, 2014 –

 

In questo momento puoi trovare i seguenti film su…

Netflix:

How To Get Away With Murder

Papillon

Eccoci qui, al quarto appuntamento con il mio nuovo, se così si può ancora definire, modo di raccontare il cinema. Ovvero una pellicola per volta. La scorsa settimana l’appuntamento è saltato a causa della notte degli Oscar (Oscar 2019, la mattina dopo…) ma oggi torno presentandovi un film che decisamente non è nuovo. Ma lo sapete, il mio blog si chiama Il film che ti sei perso… e attraverso le mie rubriche, mi fa piacere consigliarvi tanto film e serie televisive da poco uscite quanto prodotti di qualche anno fa. Oggi vi suggerisco di recuperare un film uscito nel 1973. La pellicola in questione è Papillon. Fidatevi, se amate il cinema e non l’avete mai visto dovete recuperarlo. Questo film mi ha tenuta con il fiato sospeso come pochi altri. L’ansia e l’agitazione che mi hanno accompagnata per tutta la durata della visione me le ricordo ancora oggi. Tra gli innumerevoli film che trattano di prigionie ingiuste, fughe tentate e situazioni al limite del possibile, Papillon è forse quello che ho preferito. Ho anche visto il remake, del 2017, che annovera tra i suoi protagonisti Charlie Hunnam e lo splendido Rami Malek, nel ruolo che fu di Dustin Hoffamn. Ormai credo che sia di pubblico dominio il fatto che ammiro Rami Malek e che potrebbe leggere ad alta voce uno scontrino e io lo ascolterei comunque con passione. Oggi comunque vi suggerisco l’originale, il primo Papillon. Quello che, se visto nel 2019, riesce ancora a far trapelare il suo fascino. Il film in cui i protagonisti hanno i volti di Steve McQueen e Dustin Hoffman.

Il film che ti sei perso...

Breve riassunto:

Papillon, così soprannominato per via del suo tatuaggio a forma di farfalla, viene ingiustamente accusato di omicidio. Viene mandato nell’Isola del Diavolo, nella Guyana francese. Deciso a evadere, anche grazie all’aiuto economico del falsario Luis Dega, Papillon si scontrerà con anni di isolamento e con un sistema carcerario ritenuto uno dei peggiori al mondo…

Perché guardarlo:

  • Avete presente quando dicono: “è un classico, non te lo puoi perdere!”? Ecco.
  • Fidatevi se vi dico che per i 148 minuti della pellicola sarete un fascio di nervi e ansia
  • Incredibilmente è tratto da una storia vera

Perché non guardarlo:

  • Se non vi piace soffrire insieme al protagonista, se non amate vedere la violenza e la crudeltà che può fare l’essere umano allora lasciate perdere

Amori strappa lacrime

Come potete intuire dal titolo oggi vi vorrei suggerire alcun titoli che hanno in comune un solo unico terribile scopo: far piangere lo spettatore! Non tutti i film riescono a far emozionare allo stesso modo, per questo, come sempre, anche oggi vi citerò alcuni film che, come dire… mi fanno piangere ed emozionare, ogni volta, come se fosse la prima! Ho pensato di scegliere quattro pellicole differenti tra loro in modo da poter soddisfare (almeno lo spero) tutti i vostri gusti.

L’Amore mitico

Il primo dei quattro titoli che vi suggerisco è ispirato a uno dei più famosi racconti del Medioevo. Tristano e Isotta. Il film al quale mi riferisco è Tristan & Isolde, del 2006. Questo lungometraggio, diretto da Kevin Reynolds, è un film che, lasciatemelo dire, mi affascina ogni volta. La storia già di per se è stupenda, come solo i grandi racconti che si tramandano da secoli sanno essere, per di più la pellicola è ben diretta e interpretata. I giovani amanti e sfortunati protagonisti sono tremendamente belli e perfetti insieme. Nel caso non l’aveste visto sappiate che sono interpretati da James Franco – al suo meglio e da Sophia Myles. Vorrei ricordare anche la partecipazione del bellissimo Henry Cavill e dell’affascinante Rufus Sewell. Si lo so, il cast già da solo merita la visione. Fidatevi se vi dico che la bellezza è solo un piccolo contorno all’interno di una storia struggente e potente, ben diretta e ben interpretata. Preparate i fazzoletti.

L’Amore segreto

Brokeback Mountain di Ang Lee. Mi bastano queste 5 parole per commuovermi. Un film meraviglioso, magistralmente diretto – regista che ammiro moltissimo e che trovo sempre, in ogni suo lavoro, particolarmente attento ai sentimenti dell’animo umano, interpretato alla perfezione con una storia d’amore potente e bellissima. Le lacrime mi scorrono sempre troppo facilmente quando guardo questo film, anche per il pensiero che rivolgo sempre a Heath Ledger: meravigliosa creatura che ha toccato questo mondo con la sua arte e il suo indiscutibile talento, abbandonandolo troppo presto. A parer mio: film imperdibile.

Il film che ti sei perso...

L’Amore colto

Definisco l’amore del film Moulin Rouge! in questo modo perché, come certo sapete, visto che avete letto il mio post di qualche settimana fa dedicato proprio al film di Luhrmann, l’amore che lega i due protagonisti è frutto di un sapiente incontro tra due straordinarie opere classiche. Nel caso vi fosse sfuggito l’articolo non dovete nemmeno fare lo sforzo di andarlo a cercare. Vi basterà cliccare qui. Ovviamente avendo già parlato abbondantemente di questo film (che adoro) non indugio oltre e passo all’ultimo titolo.

L’Amore che supera il tempo

Anche in questo caso vi suggerisco un film che vi ho già nominato in un precedente articolo (Lo Straordinario nell’Ordinario). Evening, che è stato rilasciato in Italia con il titolo Un amore senza tempo, è un film che amo molto perché racconta di un amore ostacolato ma vissuto con una tale intensità da rimanere vivo nel cuore dei personaggi. Poi l’uomo che ruba il cuore della protagonista, Claire Danes, è il bellissimo Patrick Wilson. Si lo so, spesso e volentieri affermo che gli attori sono bellissimi ma che vi devo dire? Ho gli occhi per guardare e sono un’amante del bello… ma sto divagando, torniamo al film. Anche questa pellicola credo che si interessante, non solo perché mi fa commuovere ogni volta che la vedo o perché l’attore protagonista ha un bel viso. Il film è improntato su un punto di vista femminile, mostra la forza delle donne e le loro paure, porta in scena un amore che tutti vorremmo poter vivere, senza scadere nel melodramma.

Anche oggi ho cercato di suggerirvi film differenti tra loro ma con un punto in comune. Spero di avervi incuriosito almeno un po’ e che vi sia venuta voglia di commuovervi davanti a un bel film. Non fate finta di non essere interessati a questo genere di film, sappiate che piangere fa bene: è una potente valvola di sfogo. Ecco un altro punto a favore di questi film…

 

Nel caso te lo fossi perso…

  • Moulin Rouge!, Baz Luhrmann, 2001
  • Brokeback Mountain, Ang Lee, 2005
  • Tristan & Isolde, Kevin Reynolds, 2006
  • Evening, Lajos Koltai, 2007

 

In questo momento puoi trovare i seguenti film su…

   Sky Cinema:

Brokeback Mountain

Juliet, Naked

Si dice che le storie migliori sono le più semplici e Juliet, Naked conferma appieno la teoria. Questo film, diretto da Jesse Peretz mostra la storia migliore che si possa raccontare: la vita. La vita nella sua interezza e durezza. Juliet, Naked parla di incontri, di percorsi personali, di anime sole che si incontrano, di errori, di cadute, di voglia di rialzarsi e di mettersi in gioco. Il film gioca intelligentemente con lo spettatore mostrando senza troppi giochi registici ciò che la vita offre: delusioni e sorrisi. Il lungometraggio, tratto dall’omonimo romanzo scritto da Nick Hornby, riesce in meno di due ore a far ciò che la vita offre quotidianamente. Regala sorprese, lacrime di gioia e di dolore, fa scaturire più di una risata e lascia un sapore dolce amaro in altri momenti. La regia è delicata e offre ampio spazio ai due attori protagonisti che non potrebbero risultare più appropriati. Da un lato abbiamo la delicata e dolce Annie Platt, alias Rose Byrne (per gli appassionati del genere è Moira MacTaggert nel film X-men – L’inizio) e dall’altra c’è il cupo e affascinante Tucker Crowe, ovvero Ethan Hawke.

Il film che ti sei perso...

La storia, dicevo, è semplice e ha il sapore della commedia dolce amara. Racconta di una donna, Annie, che vive la sua vita con la stessa passione con cui sbrighiamo le faccende di casa. Sente che c’è qualcosa che si è lasciata sfuggire negli anni e che la relazione che vive (se così si può dire) con il suo compagno Duncan (Chris O’Dowd) non è altro che una farsa. Dall’altro lato dell’oceano invece c’è una ex rockstar, Tucker Crowe, che ha vissuto fin troppo la sua vita e tra uno sbaglio e l’altro, tra un rimpianto e una bevuta di troppo, vede allo specchio un uomo che potrebbe e dovrebbe essere migliore, per se stesso e per i suoi figli. A collegare queste due anime così distanti, in tutti i sensi, c’è Duncan, il compagno di Annie, che ha una vera e propria venerazione per quello che è stato il suo idolo giovanile Tucker Crowe. Quest’ultimo è interpretato magistralmente da un Ethan Hawke che regala qualcosa di affascinate al suo personaggio. L’anima tormentata e stanca è resa alla perfezione da un attore che, nel corso della sua carriera, non è mai stato al di sotto delle aspettative ma che in questa delicata pellicola, regala una performance piena di sentimento e di risentimento. Non sono solo i gesti e la sceneggiatura a raccontare qualcosa di Tucker ma lo fa anche la sua voce, profonda e stanca, quasi spezzata, esattamente come lo è l’animo del personaggio interpretato da Hawke.

Dai produttori di Little Miss Sunshine, film di cui vi ho parlato nel mio articolo Bambini da Oscar, non ci si poteva aspettare niente di meno. La commedia non lascia posto solo a una storia romantica come tante ma racconta di come la vita a volte ci scivoli davanti senza che noi ce ne accorgiamo. Le risate che nascono spontanee, grazie alla bravura del cast e della sceneggiatura, nascondono qualcosa di più profondo. Il film narra di come una canzone del passato ci possa aiutare ad andare avanti nella vita, come un ideale possa accompagnarci negli anni e di come la vita, inesorabilmente, che noi lo vogliamo o meno, ci raggiunge e ci costringe a guardarci allo specchio. Se una verità così semplice eppure così profonda viene raccontata in un modo così leggero e piacevole allora significa che il film è un’opera pienamente riuscita.

Il mangiatore di pietre

Come vi ho anticipato domenica, nel mio post Il futuro non dimentica il passato, da questo martedì ho iniziato a condividere, le recensioni che ho avuto modo di scrivere partecipando a Torino Film Festival. Quella che vi sto per proporre è la prima recensione che ho scritto.

Il mangiatore di pietre è il lungometraggio diretto da Nicola Bellucci, ambientato nelle valli piemontesi. La pellicola vede nel ruolo dell’enigmatico, introverso e silenzioso protagonista Luigi Lo Cascio. Il film è un thriller che procede, un po’ come il suo personaggio principale, in modo silenzioso, lento. Avanza seguendo i ritmi scanditi dal temo della montagna. Quella montagna che rallenta il passo e che ti lascia senza fiato, più che per l’altitudine, per le maestose immagini che regala. L’ambiente che circonda i personaggi di questo film è importante quanto loro. La montagna, con i suoi valichi, le sue insidie è la culla della storia, al suo interno racchiude uomini spezzati da un passato troppo doloroso e giovani ragazzi che hanno perso (quasi) ogni speranza.

Il film ce ti sei perso...

Il mangiatore di pietre è tratto dall’omonimo romanzo scritto da Davide Longo e vede un Luigi Lo Cascio perfetto nel ruolo di Cesare, un uomo che non sa più sorridere, che vive circondato da ciò che l’ambiente circostante gli offre. I personaggi del film vivono come e fossero bloccati nel tempo e nello spazio. Sono fermi, immobili, proprio come se fossero rilegati ancora nella carta stampata. Solo verso la fine della narrazione qualcosa si smuove e mentre la trama procede, prende più vita, i personaggi si animano al suo interno. Proprio perché vivono in simbiosi con la montagna, ecco che le valli si mostrano in tutto il loro splendore nell’esatto momento in cui le persone all’interno del film iniziano a reagire. La bellezza delle immagini notturne regalano un paesaggio freddo, in apparenza immobile ma vivo, in perpetuo movimento. I personaggi del film Il mangiatore di pietre sono esattamente così, come la montagna.

Ma cosa muove veramente Luigi Lo Casco, alias Cesare? Il ritrovamento di un cadavere, il passato che ritorna, leggende sussurrate di uomini che affrontano e sfidano la montagna. Il corpo senza vita di un uomo è l’inizio di un viaggio che, mentre procede lentamente in avanti, molto velocemente affronta il passato. Per ogni passo che Cesare fa verso il futuro il film, silenziosamente, enigmaticamente, mostra, o meglio, svela, il passato. Un passato doloroso, fatto di sussurri, valichi e uomini, che esattamente come le loro amate montagne non si muovo. Solo in apparenza non si muovono. In realtà ne Il mangiatore di pietre i personaggi, Cesare in primis, affrontano tutto con la stessa forza e intensità della montagna.

Christian Bale

Il film che ti sei perso...

Ebbene si, anche oggi vi parlerò dell’ovvio. Christian Bale è talento allo stato puro. Non ha certo bisogno di presentazioni e non ha assolutamente bisogno del mio blog per essere riconosciuto come un grande arista. Eppure lo sapete, sono un’amante del bello, dell’arte e del talento e Christian Bale non poteva certo mancare nella mia rubrica del mercoledì.

Senza star ad analizzare le ultime opere che hanno fatto parlare di lui, come Vice, diretto da Adam McKay, cosa posso dirvi di Christian Bale? Insomma, il suo talento viene riconosciuto anche per la totale immersione nel personaggio. Ingrassa e dimagrisce a comando. Passa da un ruolo a un altro con la stessa facilità con cui io passo dall’antipasto al primo. Vederlo recitare per me è sempre un vero piacere, potrebbe anche fare un monologo in cui legge i numeri dell’elenco telefonico e lo guarderei lo stesso con ammirazione. Credo che la bellezza di questo attore risieda proprio nella sua totale scomparsa dietro a un ruolo. Quando recita non si vede più Bale ma si assiste al personaggio. Già nel mio articolo di due settimane fa, dedicato ad Al Pacino, vi ho menzionato il suo metodo di recitazione.

Molti dei titoli a cui ha preso parte Christian Bale ve li ho già menzionati e suggeriti più volte nei miei precedenti post. Film che secondo me meritano di essere visti, non solo per l’attore, ma anche per la resa del film nella sua totalità sono: The Fighter (che vi ho suggerito nel mio post Sul ring come nella vita), la trilogia dedicata al cavaliere oscuro diretta da Nolan, regista che ha collaborato con Bale anche nel film The Prestige, 3:10 to Yuma (titolo che vi ho consigliato nell’articolo Western: il genere che non conosce tempo), Equilibrium, Velvet Goldmine, The Machinist conosciuto in Itala con il titolo L’uomo senza sonno, The New World (altro titolo che vi ho già menzionato nel mio post L’assenza della parola), Empire of the Sun di Steven Spielberg, The Portrait of a Lady, American Psycho (anche questo già menzionato – Il labirinto della mente), American Hustle e Public Enemies.

Lo so che vi ho suggerito parecchi titoli ma almeno avete più scelta. Come sempre, ormai lo sapete bene, vi consiglio di vederli tutti e anche di più. Non solo per la presenza di Christian Bale. Sono convinta che i film, i libri, la musica, insomma l’arte, arricchiscano una persona. Credo inoltre che creino una sorta di dipendenza – positiva, si intende, che attrae lo spettatore. Più uno usufruisce (se così si può dire) della cultura più sente la necessità di arricchirsi. Se poi in questo splendido mash-up di cultura c’è anche il meraviglioso Christian Bale tanto meglio! Anche questa volta vi ho suggerito più di un paio di titoli e ne ho anche approfittato per ricordarvi che la cultura passa prima di tutto dalla vostra voglia di conoscere e di arricchire le vostre conoscenze.

 

Nel caso te lo fossi perso…

  • The Portrait of a Lady, Jane Campion, 1996
  • Equilibrium, Kurt Wimmer, 2002
  • The Machinist, Brad Anderson, 2004
  • American Hustle, David O. Russell, 2013

In questo momento puoi trovare i seguenti film su…

     Sky On Demand:

American Hustle

Saoirse Ronan

Il film che ti sei perso...

Ammettiamolo: Saoirse Ronan è un nome tanto bello quanto impronunciabile. Personalmente ho storpiato il suo nome mille volte prima di capire la corretta pronuncia e adesso che ho capito come si chiama, la definisco “la talentuosa ragazza dal nome impronunciabile”. Battute a parte, sappiate che raccontarvi di questa ragazza mi costa un po’: il solo pensiero che sia più giovane di me e che nella sua carriera abbia già collezionato collaborazioni così importanti mi fa sentire un po’ una vecchia scarpa inutile… Depressione a parte (si fa per scherzare chiaramente!) oggi vi vorrei consigliare di avvicinarvi a un talento giovane, fresco e innegabile. Questa attrice irlandese, naturalizzata statunitense, classe 1994 (si avete letto bene e no, non ho sbagliato la data), vanta nella sua carriera collaborazioni con registi importanti e talentuosi artisti quali Peter Jackson, Wes Anderson, Ryan Gosling, Greta Gerwing e Joe Wright.

Basterebbero questi illustri nomi a far capire che se molti lavorano con lei è perché il talento in questa giovane ragazza non manca. Uno dei suoi primi film importanti è stato il lungometraggio che ha diretto Joe Wright, Atonement – titolo che vi ho suggerito in più occasioni, perché, ormai lo sapete, è uno dei miei film preferiti. In questa pellicola, Saoirse Ronan, ha dato prova di una grande interpretazione e la sua bravura non si è spenta come la fiamma di una candela ma ha continuato a brillare e risplendere in altri titoli. Uno di questi è il film, che ha riscontrato parecchio successo, anche grazie alla fama dell’omonimo romanzo da cui è tratto, The Lovely Bones, conosciuto in Italia con il titolo Amabili resti, che l’ha vista vestire i panni della piccola indifesa e innocente protagonista, che viene brutalmente uccisa all’inizio del racconto.

Questo lunedì, nel mio articolo Lo Straordinario nell’Ordinario, mi sono permessa di consigliarvi uno degli ultimi film a cui ha preso parte questa giovane attrice, ovvero Brooklyn, che le è valso anche la candidatura al premio Oscar come miglior attrice protagonista. Se volete conoscere il talento di Saoirse Ronan non potete certo perdervi questo titolo. Un altro lungometraggio che mette in risalto le doti di questa attrice grazie a una trama accattivante e da una regia curata è il film Hanna. Questa è la seconda collaborazione tra il regista e produttore cinematografico inglese Joe Wright e Saoirse Ronan.

Nel mio post Il riflesso della città vi ho consigliato il primo film che vede l’affascinate attore Ryan Gosling dietro la macchina da presa. Lost River, questo è il titolo, merita di essere visto non solo per la scelta del cast ma anche per la trama e per il modo di raccontare la storia. Se volete vedere Saoirse Ronan in un film in cui la narrazione e il degrado prevalgono su tutto, pur mantenendo la giusta attenzione sui volti dei giovani protagonisti, allora Lost River è il titolo adatto a voi.

Spero anche oggi, attraverso pochi titoli, di avervi fatto avvicinare a questo giovane talento, che sono sicura riserverà per il futuro altre interessanti collaborazioni e numerose grandi interpretazioni. Saoirse Ronan è la prova che la gioventù non è piena di scansafatiche, come sostengono alcuni, ma che, anzi, è ricca di persone che vivono di passione e che per essa si sanno mettere in gioco e vincono, alla grande, la sfida.

Nel caso te lo fossi perso…

  • The Lovely Bones, Peter Jackson, 2009
  • Hanna, Joe Wright, 2011
  • Lost River, Ryan Gosling, 2014
  • Brooklyn, John Crowley, 2015

In questo momento puoi trovare i seguenti film su…

Sky Cinema:

The Lovely Bones